Errori da non Fare Quando si Scrive

In questa guida spieghiamo quali errori non fare quando si scrive.

Le frasi fatte. Parole che non parlano.
Sono formule fisse, parole afone, che non parlano più. Da sole o in coppia, viaggiano sempre nella stessa posizione o con lo stesso vestito, con lo stesso sbiadito significato. Distraggono il lettore perché ormai sono senza appeal. Denotano pigrizia e trascuratezza. Evitiamo di farci sorprendere in loro compagnia.

Eccone alcune

bagno di folla

assoluto riserbo

indagini a tappeto

versa in gravi condizioni

in rotta di collisione

il condizionale è d’obbligo

un importante evento

nella splendida cornice

entro e non oltre

a 360 gradi

una vasta gamma

complesso e articolato

qualità e convenienza

altamente qualificati

soluzioni innovative

le molteplici esigenze

sistema integrato

servizi integrati

vero e proprio…

problematiche, complesse problematiche

appositamente studiato

dopo lunghi studi ed esperienze

sintesi di tradizione e modernità

l’incessante sviluppo

la costante ricerca

che va sotto il nome di

non ci è dato di sapere

l’intero…

una sorta di…

una serie di…

Potrei continuare per almeno tre pagine. Ma se volete altri esempi di frasi afone, basterà ascoltare un telegiornale a qualsiasi ora.
Questa sezione è aperta ai contributi di tutti. Scrivetemi

Gli avverbi. Lasciamoli riposare.
Lavorano troppo, non ce la fanno più. Soprattutto quelli che finiscono in -mente. Lasciamoli riposare, ne guadagnerà il nostro linguaggio che proverà ad inventare qualche espressione più fresca. A questo proposito può essere utile questa guida sulle locuzioni avverbiali presente su questo sito.
Ecco i più stanchi della categoria
Assolutamente

Letteralmente

Altamente

Rigorosamente

Strettamente

Completamente

Soprattutto il primo. Per quanto mi riguarda, sto cercando di non usarlo. Provate a chiedere alla commessa del negozio, mentre scegliete un paio di jeans: “Staranno bene con la giacca?”. Vedrete che la risposta sarà: assolutamente. Al call center della vostra compagnia telefonica: non è che poi non riesco più disdire il servizio… per sentirvi rispondere assolutamente no.

Sarà che viviamo tempi incerti, minati dal relativismo, e abbiamo bisogno di certezze…Ma questo avverbio ricorre assolutamente troppo spesso.

Le espressioni lunghe: meglio le brevi equivalenti
Nella scrittura quotidiana e di lavoro, dobbiamo arrivare al cuore dell’informazione: abbandoniamo le espressioni lunghe o stereotipate, scegliamo parole dirette.
Ecco un breve elenco.
(A sinistra le espressioni da evitare, a destra quelle consigliate.)

dare inizio > iniziare
realizzare una costruzione > costruire
portare a compimento > completare
dare avvio > avviare, iniziare
dare considerazione > considerare
sostenere una discussione su > discutere
produrre un cambiamento > cambiare
porre in evidenza > indicare, sottolineare
è nostro intendimento > intendiamo
di natura confidenziale > confidenziale

insieme a > con
tutte le volte > sempre
al fine di > per
in relazione a > su
nel momento in cui > quando
alla data odierna > oggi
nel caso in cui > se
in un prossimo futuro > presto
nell’intento di > per
in considerazione di ciò > pertanto, dunque

Quando scrivete il vostro prossimo testo, fermatevi a rileggerlo. Se compaiono molte delle frasi lunghe, sostituitele con quelle brevi: otterrete uno scritto più convincente e di facile lettura.

L’aziendalese o corporatese: un altro nemico
del buon italiano
“L’unica soluzione integrata che ho in mente giusto adesso è un caffè con due zollette di zucchero”. Così dice la tazza. Le soluzioni integrate sono un esempio di aziendalese (o corporatese, da corporate, azienda). E sono spesso in compagnia dei paradigmi, delle interfacce e altri amici poco raccomandabili, soprattutto se il testo che li contiene esce fuori dall’azienda.
L’aziendalese è una lingua gergale che tende a ripetersi all’interno delle situazioni di lavoro, non permettendo la ricerca di un modo d’esprimersi più vivo e concreto.
Altri esempi?

Implementazione

integrato / integrazione

menzione speciale per “a 360 gradi”. Non muore mai (l’ho trovato in tantissimi siti di agenzie pubblicitarie…e meno male che dicevano di fare comunicazione innovativa).

problematiche

sinergie

orientato a

specifiche competenze

qualificato

flessibilità

finalizzato

ottimizzato / ottimizzazione

assicurare

garantire

valore aggiunto

operativamente

gestionale

molteplice

e tutte quelle parole inglesi non necessarie, per le quali esiste una bella parola italiana corrispondente.

Ho sulla scrivania il pieghevole di presentazione di un’agenzia pubblicitaria che dice così
L’Agenzia XY supporta il cliente in tutte le fasi del progetto di comunicazione, dalla consulenza all’ideazione e gestione, attraverso un adeguato e consapevole utilizzo delle risorse. Altrettanta attenzione presta all’integrazione delle azioni offline e online, così da sfruttare le sinergie comunicazionali e garantire l’ottimizzazione e l’efficacia dell’investimento.
Un esempio da non seguire.